Grissini Rustici Stirati a mano

300 g
disponibile

DESCRIZIONE

Prodotto tipico di Torino, tradizionalmente la sua nascita si fa risalire al 1679, quando il fornaio di corte Antonio Brunero, sotto le indicazioni del medico lanzese Teobaldo Pecchio, inventò questo alimento per poter nutrire il futuro re Vittorio Amedeo II, di salute cagionevole ed incapace di digerire la mollica del pane.
Re Carlo Felice li prediligeva così tanto che, in palco, al Teatro Regio, ne sgranocchiava per passatempo.

La forma di grissino più antica e tradizionale è il Rubatà (che in piemontese significa “rotolato”) di lunghezza variabile dai 40 agli 80 cm, facilmente riconoscibile per le caratteristica nodosità, dovuta alla lavorazione e all’arrotolamento fatto a mano.

Esiste poi lo Stirato, che si distingue dal rubatà in quanto la pasta, invece che essere lavorata per arrotolamento, viene allungata tendendola dai lembi per la lunghezza delle braccia del panificatore, il che conferisce maggiore friabilità al prodotto finale.

INGREDIENTI: farina di Grano Tenero Tipo 0, acqua di sorgente,lievito da pasta madre, farina di Grano Tenero tipo 0, olio extravergine di oliva, sale marino integrale di Mozia.

CERTIFICAZIONI

IL FORNO DEL BORGO di Bioagri 2003 s.a.s.

0.0 27,00 Km

Pane e prodotti da forno Pane e prodotti da forno

Pan Barbarià

1.2KG c.a.


Pane al Farro

1.15KG c.a.

Pane ai 5 cereali

1.2KG c.a.